Gli hacker del ransomware della “Colonial pipeline” avevano un'arma segreta: le aziende di sicurezza informatica che si fanno pubblicità. - Associazione ASSI